Bologna, lo Spezia è ancora una volta decisivo

3 giorni fa 14
DBR - Data Breach Registry Web tool

di Marcello Giordano

Arriva lo Spezia, e il Bologna è a un altro bivio decisivo. All’andata, il pareggio per 2-2 al Picco segnò la parola fine sull’avventura tecnica di Sinisa Mihajlovic in rossoblù. Il club in estate aveva deciso di rispettare l’ultimo anno del contratto del tecnico, nonostante la ricaduta della leucemia, le difficoltà e le sofferenze emerse fin dall’estate. Di fronte al pareggio e a un bilancio di 3 punti in cinque gare, arrivò la sofferta scelta dell’esonero, per trovare soluzione a una crisi più profonda: il Bologna infatti era reduce da 4 vittorie, 9 pareggi e 11 sconfitte (con 22 gol segnati e 31 subiti) nelle ultime 24 partite di serie A. Sarebbe poi arrivato Thiago Motta, ex allenatore proprio dello Spezia e in corsa già dall’estate, insieme a De Zerbi, per la panchina rossoblù, prima che Saputo decidesse per rispettare l’ultimo anno di contratto sperando che Sinisa potesse risollevarsi. Non è stata storia a lieto fine, purtroppo. E non è stato neppure semplice l’approccio di Thiago, che dopo contestazione preventiva e fischi, è riuscito a entrare nelle corde dei giocatori traghettando il Bologna fino ai 23 punti di fine girone di andata...

Leggi tutto questo Articolo

Bologna, lo Spezia è ancora una volta decisivo